fbpx

Brescia: non solo guardare ma fare e gustare

 

Vivere e sperimentare tradizioni uniche dal vivo


 

 

Brescia e la sua provincia offrono un’incredibile gamma di attività inedite da sperimentare, in grado di soddisfare i diversi gusti ed interessi dei viaggiatori in arrivo. Già perché, oggi, al concetto di soggiorno più tradizionale è possibile affiancare una vacanza basata sul coinvolgimento attivo e pratico, attraverso workshop e laboratori tematici alla scoperta delle secolari tradizioni artigianali e culinarie locali. Ovviamente guidati dagli abitanti del posto, custodi e orgogliosi prosecutori di tradizioni che hanno forgiato l’identità dei luoghi.

Ve ne proponiamo alcune tra le tantissime da poter provare, per rendere il vostro soggiorno un’esperienza unica e indimenticabile.

La tavolozza di colore di Giotto e Michelangelo

Ivana è storico e figlia d’arte. Papà Renato – fondatore dello studio e tra i primi restauratori diplomati del bresciano – l’ha cresciuta a bottega e le ha trasfuso talento e passione. Padre e figlia, entrambi con importanti esperienze professionali all’estero, condividono esperienza e tecniche che consentono di restituire nuova vita ad opere d’altri tempi. Le loro mani e i loro occhi si muovono con precisione tra cornici e tele dipinte, affreschi, policromie lignee che popolano il laboratorio. È uno spettacolo vederli all’opera, come lo sono le loro creature restaurate: un patrimonio artistico senza eguali che vive in chiese, dimore antiche, ma anche nel domestico di estimatori che amano creatività e bellezza. Qui, tutte le informazioni: https://www.bresciatourism.it/cosa-fare/la-tavolozza-di-colore-di-giotto-e-michelangelo/

Ceramisti a bottega

È un trabocco di colori il laboratorio di Pamela e Leandro. Forme e oggetti conosciuti, ma sempre realizzati con un accento tutto personale: tanti simili, nessuno uguale. È la forza della creatività, il punto distintivo del fatto a mano, l’originalità dell’artista-artigiano che lavora con passione e da vita a pezzi unici di cui ci si innamora. Pamela inizia la carriere come scultrice, ma il destino la prende per mano e ne fa una patita e convinta ceramista. L’argilla, il tornio e una ricca fantasia l’accompagnano quotidianamente . Lei si diverte. E noi, con la sua sapiente guida, intendiamo fare altrettanto. Qui, tutte le informazioni: https://www.bresciatourism.it/cosa-fare/ceramisti-a-bottega/

Betty e Bettyconcept: due corpi una sola anima. Betty è la design, la sarta, la creativa, l’imprenditrice, … la donna che ha saputo coltivare le sue aspirazioni e trasformarle in professione e filosofia di vita. E Bettyconcept è il progetto in cui mischia la creatività e il desiderio di creare un mondo che coinvolga tutte le donne. “Con allegria, poca saggezza, molta ricerca e tanto cuore, cerco di sviluppare ogni giorno una rete di supporto al femminile”, sono parole sue e danno l’idea del caleidoscopio che ruota intorno al suo laboratorio sartoriale su misura. Un habitat multiculturale che trae linfa dalle origini vietnamite di Betty e germoglia in creazioni dai colori forti, con accostamenti inusuali, e forme che fanno l’occhiolino all’oriente. Laboratorio e showroom dove divertirsi, imparare, scoprire se stesse e dar sfogo a fantasia e unicità.Qui, tutte le informazioni: https://www.bresciatourism.it/cosa-fare/cuciti-la-tua-maglia/ 

Vetri, stampi, smalti, polveri, grisaglie, pinze, rotelle tagliavetro, pennelli…Un mondo di trasparenze e tinte forti, scintille e tempeste di colori. Sono le infinite sfumature che abitano il laboratorio di Chiara e riempiono le sue creazioni, ispirate, per lo più, al piacere della convivialità a tavola. Un po’ come la cucina è il luogo della casa per eccellenza, altrettanto il laboratorio dove disegna, taglia, compone e inforna vetro, è lo spazio preferito di Chiara. Il suo è un lavoro di ricerca costante che le consente di fondere fantasia e professionalità in espressioni e linguaggi sempre nuovi. Un’arte che conosceremo mettendoci al suo fianco, ascoltando le sue parole e osservando le sue mani. Ma, soprattutto, facendo la nostra parte e componendo un piccolo gioiello secondo la tecnica della vetrofusione. Qui, maggiori informazioni: www.bresciatourism.it/cosa-fare/vetri-dalle-preziose-trasparenze/

Il mondo in tazzina: amaro e sublime

Da oltre 60 anni la torrefazione Agust, oggi guidata da Marco Corsini, seleziona i pregiati chicchi nelle principali piantagioni del pianeta: Brasile, Colombia, Guatemala, Etiopia e India. Le tantissime varietà di caffè fanno scalo nell’azienda di Brescia dove, dopo sapiente miscelatura e tostatura, riprendono il viaggio verso le migliori caffetterie e pasticcerie del territorio. Il caffè è un bellissimo viaggio, tutto da esplorare.Qui maggiori informazioni: www.bresciatourism.it/cosa-fare/il-mondo-in-tazzina-amaro-e-sublime/

Ai piedi morbidi calzari handmade

Stefano lavora da solo. Per lui parlano i suoni delle poche macchine che accompagnano il suo fare di artigiano. Si sente il ritmo della cucitrice e il ronzio della ruota smeriglio, un martelletto che picchia piccoli chiodi e il clock sordo della borchiatrice. Stefano lavora pellami di origine bovina e gomma Vibran. Passa di mano in mano le sue creature – scarpe, sandali, borse, cinture, taccuini, … – e le perfeziona con cura. Le ha disegnate, intagliate, assemblate e ora le dispone in bella vista nel suo regno: laboratorio e bottega nel centro di Brescia. Ha iniziato la sua avventura tra le calzature artigianali nel 2015, ed è stata subito passione. Che vuole condividere, far conoscere, far sperimentare. Ci mette a disposizione un po’ del suo tempo e dello spazio dove lavora, piccolo ma ben disegnato. Qui, tutte le informazioni: www.bresciatourism.it/cosa-fare/ai-piedi-morbidi-calzari-handmade/

Ivan si considera l’ultimo degli scultori a mano libera dell’area bresciana. Un’arte che cresce e si sviluppa a valle del pregiato marmo scavato nelle cave a est di Brescia sin dal 1500. Le lavorazioni industriali sono ancora attive, ma le botteghe dove se entri rimani a bocca aperta e non puoi non uscire imbiancato di polvere di marmo e sentirti un po’ Michelangelo, di quelle sembra ne sia rimasta una sola. E lì ci ospita Ivan dopo un tour guidato in cava per farci ammirare la maestosità della materia prima e raccontarci la metamorfosi della roccia originata dalla trasformazione dei calcari di un mare lagunare risalente a milioni e milioni di anni fa. Qui, maggiori informazioni: www.bresciatourism.it/cosa-fare/a-bottega-da-michelangelo-in-brescia/

 

Scopri l’intera gamma di proposte esperienziali visitando il sito www.visitbrescia.it – sezione ESPERIENZE